Il Deposito di un Brevetto

Registrazione dei Brevetti

Una volta depositata la domanda di brevetto presso l'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, oppure la sede di una Camera di Commercio, bisogna attendere fiduciosi la decisione dello Stato dalla quale dipende il riconoscimento del diritto d'esclusiva.

In merito ricordiamo come, anche il brevetto, abbia una scadenza.

I brevetti d'invenzione durano, infatti, venti anni i quali sono conteggiati dalla data del relativo deposito.
A tale regola generale fanno per˛ eccezione i brevetti farmaceutici per i quali Ŕ prevista la possibilitÓ di estenderne la durata.

Trascorsi vent'anni decade, pertanto, l'esclusiva sull'invenzione, la quale potrebbe pure interrompersi anticipatamente qualora non vengano versate dal titolare del brevetto le tasse annuali previste per il rinnovo oppure nel caso in cui l'invenzione non venga implementata in maniera adeguata.

I geniali inventori devono quindi prestare la giusta attenzione anche agli aspetti pratici che vanno seguiti con estrema cura e, se necessario, essi si potrebbero rivolgere a professionisti specializzati nelle procedure di richiesta dei brevetti.

L'idea di consultare esperti del settore potrebbe rivelarsi assai utile anche per coloro che stanno valutando l'ipotesi di presentare la domanda di brevetto, alla quale sono associati costi significativi da valutare prima di intraprendere l'intero iter.

Altro aspetto da valutare concerne l'effettiva originalitÓ dell'idea ed in questo caso si pu˛ semplicemente interrogare il database dell'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi in modo da sincerarsi di non essere stati battuti sul tempo da altri!